Terni 2017

Il museo archeologico del CAOS ti aspetta!

Akelo
Caos di Terni si sta preparando, per il secondo anno consecutivo, al remix! Questa volta, il museo messo a disposizione di maker e creativi di tutto il mondo è l’archeologico.

 

Vuoi candidarti? 

Fino al 16 luglio la call è aperta, basta andare su museomix.org e compilare il form online, specificando il museo da cui vorresti essere selezionato!

 

Ready to Museomix

CAOS è un centro culturale dedicato alla fruizione delle arti e alla produzione creativa, nato dalla riconversione dell’ex fabbrica chimica SIRI.

Si compone di un’area complessiva di 5600 mq articolati in una pluralità di spazi che comprendono il Museo d’Arte Moderna e Contemporanea Aurelio De Felice e il Museo Archeologico di Terni, una vasta area dedicata alle esposizioni temporanee nazionali ed internazionali che include la Sala Carroponte e la Project Room, spazi dedicati alla performance quali il Teatro Sergio Secci e il piu piccolo Studio1, 3 atelier dedicati alla creazione teconologica, l’AreaLab dedicata ai laboratori didattici, un magazzino opere a vista, un cinema, una biblioteca specializzata e un caffè ristorante, il FAT(3), da vivere fino a sera: il tutto aggregato intorno ad una piazza all’aperto, cuore accessibile dell’intero centro.

Alla molteplicità di luoghi corrisponde un’identità dinamica e multidisciplinare che dà vita ad un panorama di attività che include la realizzazione di mostre temporanee, eventi e attività di ricerca, promozione di nuovi talenti, residenze, laboratori e progetti internazionali.

 

Il Museo Archeologico

Il Museo è diviso in due sezioni e racconta la storia della città e del suo territorio tramite un percorso di 17 sale.

La sezione preromana, attraverso numerosi corredi funerari ospitati nelle prime sale, testimonia la ricchezza raggiunta dalla popolazione locale, gli umbri Nahartes, tra il X e il VI sec.
a.C.: i reperti provengono da diversi nuclei di necropoli

La sezione romana è dedicata all’illustrazione della vita cittadina in epoca romana (dall’inizio del I sec. a.C.) e tardo-antica. Il percorso museale inizia con l’epigrafe di Faustus Titius Liberalis, l’importante testimonianza della fondazione della città di Interamna Nahars e prosegue con i documenti più significativi della storia della città, del suo sviluppo urbanistico e degli aspetti della vita municipale, dalla sfera religiosa alla strutturazione sociale fino ad arrivare agli usi funerari.

Nel maggio 2012 è stata collocata nella terza sala anche un’altra teca contenente una sepoltura.

Carsulae

Il sito archeologico di Carsulae copre una superficie di circa 20 ettari e comprende i resti dell’omonima città di epoca romana eretta lungo la Via Flaminia, strada consolare realizzata fra il 220 e il 219 a.C., molto importante per i commerci poiché collegava Roma al Mare Adriatico e all’Italia Settentrionale in genere.

Anfiteatro Romano

L’Anfiteatro è situato nel quartiere Duomo di Terni, quello meno interessato dalle trasformazioni di epoca moderna. Collocato al margine sud- occidentale dell’area urbana, è il monumento di epoca romana meglio conservato della città, tuttora in corso di scavo.

Nonostante la sovrapposizione di strutture medievali e moderne (complesso del palazzo vescovile e della Curia, l’ex chiesa della Madonna del Carmine), l’edificio per spettacoli è ancora apprezzabile in tutto il suo sviluppo ellittico (98.50 x 73 m), conservato in alzato
fino a 10 metri. L’anfiteatro è realizzato per lo più in opera reticolata, soprattutto bicroma con elementi piramidali (cubilia), di pietra sponga e di calcare disposti a filari alternati, che in origine accentuavano l’effetto decorativo delle parti a vista.

 

Dove si trova il museo

Il punto di partenza: i terreni di gioco

Remixare L’ Archeologico: Una turbina del tempo

CAOS è uno spazio plurale, un sistema apparentemente disordinato che trova una logica interna proprio grazie alla creatività che riesce a usare e dare senso alla collisione di diversità: una sorta di big ben da cui prende le energie per reinventarsi ogni volta.

CAOS è un luogo dove le contraddizioni diventano interruttori, nato da un recupero di archeologia industriale dove innovazione e passato si intrecciano, origini e innovazione si mischiano.

Remixando l’archeologico CAOS si trasforma in una turbina del tempo, uno spazio energetico, sovraccarico in cui mescolare ere diverse, microstoria e macro eventi e in cui tirare in ballo anche spazi della città: una vertigine che offre una perenne ricostruzione giocando con le nuove tecnologie e le innovazioni digitali che permettono di colmare i vuoti, evocare il passato, stimolare l’immaginazione di ciò che sarà.

I mixers che saranno liberi di giocare con gli elementi presenti, raccontare il nostro passato e aiutarci a immaginare il futuro. connessioni interne al CAOS ma anche alla città e il circondario

I terreni avranno per oggetto non solo le collezioni interne al Museo Archeologico ma offriranno anche dei ganci con altri spazi e collezioni presenti negli spazi di CAOS e nel presenti nel distretto locale come l’anfiteatro Romano presente in città e il parco archeologico di Carsulae, non distante
da Terni.

 

Gli orari del museo

Normalmente, il museo è aperto dal martedì alla domenica, dalle 10 alle 19.
Dal 10 al 12 novembre 2017, durante museomix, per le équipe, il museo sarà aperto 24 su 24!

 

Vuoi maggiori informazioni su come si svolgerà Museomix 2017 al CAOS di Terni o supportare CAOS nell’organizzazione di Museomix ?

Segui il CAOS sui social: www.caos.museumTwitterFacebook

Contatta lo staff: chiara@indisciplinarte.it, valentina@indisciplinarte.it, laura@indisciplinarte.it

Clicca qui per scaricare il dossier di candidatura a Museomix 2017